Navajo prayer – USA

La musica degli Stati Uniti d’America riflette la molteplicità di etnie che compongono la popolazione del paese attraverso una larga gamma di generi e stili. Rock and roll con per esempio Elvis Presley, country, rhythm and blues, jazz, rock e hip hop sono alcuni tra i generi musicali statunitensi maggiormente noti all’estero.  

Le tribù native americane, tra queste i Navajo, furono le prime ad introdurre la musica nel territorio statunitense. Successivamente, la musica e i suoni hanno avuto un grande ruolo nella storia del west. Gli indiani e i bianchi, che si fecero guerra per il dominio sulle sterminate terre della frontiera, furono accomunati dall’amore profondo per la musica e i suoni.

Lo stesso si può dire per gli schiavi africani, che introdussero negli Stati Uniti nuovi stili musicali: proprio il Blues afroamericano è stato fonte di ispirazione e base di partenza per il rock e pop occidentale. Parlando di musica americana una breve citazione va fatta anche per la musica tipica dei saloon del far west con canzoni suonate dalla pianola (detta anche piano meccanico) che, grazie a meccanismi pneumatici o elettromeccanici, suona automaticamente.

La musica degli Stati Uniti d’America è molto spesso legata a tematiche sociali e culturali: i contrasti di classe, le questioni relative alla varietà etnica e raziale e la religione sono tematiche largamente affrontate da cantanti e musicisti statunitensi, tra i più noti Bob Dylan.

Lascia un commento